Come funziona un armonizzatore craniale?
I dati acquisiti con la scansione 3D vengono modificati tramite un sofisticato programma al computer che trasforma la forma asimmetrica del cranio in una forma simmetrica e armoniosa. L’Armonizzatore avrà aree di contatto e si espanderà nelle aree vuote.  La correzione avviene in modo dolce e naturale seguendo la crescita del cranio, senza alcuna compressione. Tale correzione è monitorata periodicamente attraverso esami obiettivi.

 

L’armonizzatore rappresenterà un ostacolo per lo sviluppo del neonato?
No. Uno dei motivi di orgoglio dell’armonizzatore craniale è il suo peso che è fino a 5 volte più leggero dei caschetti tradizionali: l’armonizzatore non peserà sulla testa del bambino che sarà libero di muoversi.

 

Quanto dura il trattamento?
La media è di 3 mesi, ma è soggetta a variazioni a seconda di numerosi fattori quali l’età del bambino, l’entità della deformità, il risultato conseguito rispetto a quello ancora conseguibile.

 

Quante ore al giorno deve essere indossato?
Ogni bambino è per noi unico e per questo viene studiato un programma di trattamento ad hoc. In generale, vale la regola che più tempo si indossa l’armonizzatore maggiore sarà la sua efficacia, senza mai comunque eccedere le 22 ore giornaliere.

 

Il neonato deve indossare l’Armonizzatore 22 ore il primo giorno?
No. I primi giorni lo specialista darà informazioni precise in merito all’uso dell’ortesi e per quanto dovrà essere indossato. Tutto ciò avverrà in maniera graduale.

 

Il neonato, indossando l’Armonizzatore, sarà soggetto a forte sudorazione?
L’imbottitura dell’armonizzatore è traspirante, leggera e lavabile. Durante i primi giorni di trattamento può essere riscontrata la sudorazione, ma andrà diminuendo durante e verso la fine della terapia.

 

Se il neonato si ammala come bisogna comportarsi?
Se il neonato si ammala interrompete il trattamento e contattate il nostro centro: l’esperto esaminerà il caso e stabilirà se può continuare il trattamento sin da subito o se aspettare che il bambino starà bene.

 

Quali sono i rischi se la Plagiocefalia non viene trattata correttamente?
Bisogna sapere che la principale preoccupazione della Plagiocefalia deriva da un fattore puramente estetico (il bambino potrebbe avere problemi nelle prime interazioni con i coetanei a scuola).
Inoltre se non si segue la giusta terapia potrebbero sorgere in futuro problemi maxillo-facciali.

 

Si possono seguire terapie alternative?
Esistono alternative come posizionare correttamente il bambino mentre dorme, mentre è seduto nel passeggino e mentre mangia nel sediolone. Tuttavia, il bambino raggiunto il quarto mese di età potrebbe essere in grado di spostarsi e tornare nella posizione abituale. Per questo motivo, tali terapie più che “alternative” dovrebbero essere “aggiuntive” all’uso dell’armonizzatore che assicura il corretto appoggio del cranio anche nella posizione abitualmente assunta dal bambino.